Fornitura
gratuita a
carico
dell’ASL e
dell’INAIL

L’Azienda per i Servizio Sanitario Nazionale eroga un contributo alle persone che hanno problemi d’udito che hanno specifici requisiti.
Acustica Udinese segue il paziente avente diritto per tutto l’iter burocratico necessario al fine di ottenere il beneficio economico elargito dal Servizio Sanitario Nazionale.

Gli aventi diritto al contributo

gli invalidi civili a cui è stata riconosciuta l’ipoacusia tra le cause invalidanti e il deficit uditivo deve essere di almeno 65 dB nell’orecchio migliore;

gli invalidi civili a cui è stato riconosciuto oltre all’ipoacusia un deficit di un altro senso ad esempio la vista, anche se la perdita nell’orecchio migliore non raggiunge i 65 dB;

gli invalidi del lavoro ma l’erogazione del presidio è a carico dell’INAIL;

gli invalidi di guerra e di servizio;

ai minori a cui è stata diagnosticata l’ipoacusia anche se di grado inferiore ai 65 dB.

Iter per ottenere le agevolazioni per la fornitura dell’apparecchio acustico

Se la persona è già dichiarata invalida civile
Verrà spiegato in modo chiaro e dettagliato l’iter burocratico per poter avere la fornitura dell’apparecchio acustico.
Nel dettaglio:

il medico di base del richiedente deve fare l’impegnativa per una visita ORL (Otorinolaringoiatrica), esame audiometrico, esame vocale, timpanogramma e prescrizione protesi acustiche;
il richiedente prenderà l’ appuntamento presso una struttura pubblica o convenzionata con il Sistema Sanitario Nazionale portanto l’impegnativa, la copia del certificato d’invalidità e la tessera sanitaria;
con tutta la documentazione rilasciata dall’Otorino, il richiedente dovrà andare al Distretto Sanitario competente (in base al comune di residenza) presso l’Ufficio Assistenza Protesica. Tale documentazione verrà valutata e rilasciata una Pre- autorizzazione che sarà portata al Centro Acustico scelto dal paziente per la fornitura;
il Centro Acustico formulerà il preventivo di spesa in base alle cifre indicate dal Nomenclatore Tarffario che consegnerà assieme a tutta la documentazione originale rilasciata dall’otorino all’Ufficio Protesi del distretto di competenza e alla fotocopia del verbale d’invalidità;
il paziente potrà scegliere che gli vengano forniti due apparecchi acustici totalmente a carico del SSN tecnologicamente più limitati, oppure paganto una differenza potra optare per la fornitura di due apparecchi acustici più sofisticati ed esteticamente meno visibili;
successivamente all’autorizzazione del preventivo presentato, l’Audioprotesista consiglierà al paziente la protesi più adatta alle sue esigenze, allo stile di vita e alle sue aspettative;
entro 20 giorni dalla consegna dell’apparecchio acustico il paziente dovrà fare il collaudo della fornitura delle protesi che consiste nella verifica da parte dell’Otorino che ha redatto la prescrizione che gli apparecchi corrispondano a quanto prescritto e che ci sia un soddisfacente guadagno protesico. Il paziente dovrà far fare un’impegnativa per collaudo protesi dal medico di base e fissare l’appuntamento con il medico prescrittore;
il documento attestante l’avvenuto collaudo con esito positivo verrà consegnato in originale al Centro Acustico che ha fornito gli apparecchi.

Se la persona NON è dichiarata invalida civile

il tecnico audioprotesista verificherà attraverso test specifici, se esistono i requisiti per ottenere la fornitura dell’apparecchio e supporterà il paziente nel percorso burocratico.

Procedura per l’ivalidità civile

Medico di Base:
andare dal proprio medico di base e farsi fare un’impegnativa per VISITA ORL ed ESAME AUDIOMETRICO;

Ospedale o Distretto Sanitario:
fissare l’appuntamento presso l’Ospedale o il Distretto Sanitario (Via S.Valentino, Tarcento, San Daniele, Codroipo, Latisana) per l’Esame Audiometrico e certificato medico;

Domanda d’Invalidità:
dopo la visita dall’Otorino, portare la documentazione al proprio Medico di Base assieme ai certificati attestanti altre patologie. Il medico inoltrerà tutta la documentazione in via telematica assieme al suo certificato. Rivolgersi ad un CAF per l’inoltro della domanda agli uffici competenti. (Tenere in fotocopia tutta la documentazione);

Convocazione:
dopo circa 45 giorni l’inoltro della domanda d’invalidità il paziente verrà convocato presso l’Ufficio Invalidi del Distretto di residenza per la visita. Presentarsi con un documento d’indentità valdido e fotocopie dei certificati inoltrati;

Verbale d’Invalidità:
dopo circa due mesi dalla visita d’invalidità arriverà al paziente a mezzo raccomandata, il verbale d’invalidità.

Osservazioni:

Il contributo a carico dell’S.S.N. ammonta ad un minimo di 650,00€ ad un massimo di 750,00€ ad apparecchio acustico a seconda della gravità della perdita uditiva.

Il contributo verrà concesso ogni 5 anni a meno che non ci sia un aggravamento della perdita uditiva o le protesi vengano smarrite oppure siano malfunzionanti tanto da non consigliarne la riparazione ma la sostituzione.

@2020 by Cristiana Gianese